Italians love Reflexive Verbs

There are more reflexive verbs in Italian than in English!

You can’t survive a day in Italy without using reflexive verbs:) I listed below the most common cases when reflexive verb is a must in Italian.

My suggestion is to create your own list of reflexive verbs.

Each time you hear a new reflexive verb, you should add it to your list. Here are some common reflexive verbs to start your list:

I invite you to do a free exercises I have prepared for you. They are available on the new teaching platform – Boom Learning.

There is also extended paid version and it covers really everything you should know about reflexive verbs.

“Sbagliando si impara” – il verbo ascoltare e sentire.

This is another pair of verbs that are often being confused by students.

What is the difference between sentire and ascoltare?

SENTIRE means to hear.

Hearing is a physiological phenomenon.

Ti sento means I can hear you.

Mi senti? (La mia voce è abbastanza alta? Are you able to hear me?)

  • we often use this verb to report rumors, gossips, about someone or something: Ho sentito che stai per comprare una nuova macchina/ Ho sentito che Maria cambia lavoro.
  • we use SENTIRE when we haven’t heard from a friend for a long time: È da tanto che non ti sento” / Non ti sento da tanto tempo. /È da tanto che non ho tue notizie. 
  • SENTIRE can mean also “let’s stay in touch” : Ci sentiamo/Fatti sentire
  • SENTIRE can indicate sensations and feelings. For example we can sentire (feel) pain, hot and cold, and so on.
  • SENTIRE can also be used in its reflexive form (SENTIRSI) to express our mental and physical state. For example, we can say: Mi sento bene/ Mi sento male

ASCOLTARE means to listen.

Listening is a psychological act.

Ti ascolto means I listen to you.

Mi ascolti? (Stai facendo attenzione a quello che dico o pensi ad altro? Are you listening to me or are you thinking about something else?)

We can listen to a speech, listen to the sound of the wind or to listen to some music:  Ho ascoltato il suo discorso/ ascolta la radio mentre guida

Now it’s your turn, decide which verb is missing in below sentences: sentire or ascoltare. You will find answers below.

  1. Siccome noi …………….. dei rumori al piano di sopra, immaginiamo che i vicini siano tornati dalle vacanze.

2. Il nostro problema è che tu non ………………..mai quello che ti dico e io non mi sforzo di ripeterlo.

3. Non so bene il motivo, ma oggi …………….a pezzi!

4. ……………………… volentieri la radio.

5. ……………….. un dolore al ginocchio.

6. Stavo leggendo, quando improvvisamente……………………… uno strano rumore.

7. ……………………… bene, Francesca: se non finisci i compiti, stasera non esci.

8. Puoi alzare la voce? Non………….. niente con questo rumore!

9. L’ho ……………… parlare ma non l’ho …………………….. veramente.

Tutto chiaro? Avete capito? 🙂

Consigli di lettura per studenti di italiano di livello intermedio basso

Ti piace leggere e ti piacciono i libri? Vorresti iniziare a leggere in italiano?
Questo articolo fa per te! Scopriremo insieme alcuni autori italiani adatti ad un livello intermedio basso [B1]. Se hai un livello di italiano inferiore al livello B1, ti consiglio di iniziare con delle letture graduate, ovvero delle letture semplificate per studenti di italiano, adatte al tuo livello.

Alcuni esempi:

Letture graduate ELI

Letture graduate Alma Edizioni

Letture graduate Loescher

Ti senti pronto/a per affrontare un testo autentico? Ecco alcuni autori adatti ad un livello intermedio basso. Questi scrittori hanno qualcosa in comune: scrivono in maniera abbastanza semplice, i loro libri sono brevi, le storie avvincenti e molto coinvolgenti… Sono libri da leggere tutti d’un fiato! Ho selezionato quattro generi letterari diversi per tutti i gusti!

  1. Il nostro primo viaggio letterario ci porta in mezzo all’oceano. Chiudete gli occhi.
    Ascolterete una musica unica, commovente, mai sentita prima. È la musica di
    Novecento, un pianista straordinario. Ci troviamo a bordo del piroscafo
    Virginian. Novecento di Alessandro Baricco, pubblicato nel 1994, è infatti
    ambientato negli anni ‘20-‘30 del ‘900 su una nave passeggeri transatlantica, la
    Virginian, una delle tante navi, che, negli anni tra le due guerre, faceva la spola tra
    Europa e America.
    Novecento è un testo teatrale, scritto sotto forma di monologo. Secondo Baricco il
    testo può essere definito come una via di mezzo tra «una vera messa in scena e un
    racconto da leggere ad alta voce». È una lettura corta (nemmeno 100 pagine) ma
    molto poetica e profonda, dalla trama accattivante. La storia è narrata dal punto
    di vista di Tim Tooney, ex-trombettista del piroscafo transatlantico Virginian,
    amico e collega di Novecento.
    Ma chi è Novecento? Novecento è il protagonista, un pianista di una bravura
    eccezionale, nato a bordo di una nave e da cui non scenderà mai per tutta la sua
    vita. Come ha imparato a suonare il pianoforte? Nessuno lo sa, ha iniziato da
    bambino ad incantare i passeggeri del Virginian con la sua musica meravigliosa.
    Ma quando suona, il mondo si ferma ad ascoltarlo. Novecento non metterà mai
    piede a terra, scoprirà il mondo indirettamente, attraverso i racconti e le
    esperienze vissute dai passeggeri della nave. Consiglio Novecento a tutti i poeti, i
    sognatori e agli amanti della musica.
    Nel 1998, è uscito il film di gran successo “La leggenda del pianista sull’oceano”
    diretto da Giuseppe Tornatore. Su YouTube trovi anche moltissime
    rappresentazioni teatrali della storia di Novecento. Nel 2008 è stata tratta anche
    una storia a fumetti per Topolino ispirata alla storia di questo personaggio unico
    ed enigmatico: “La vera storia di Novecento”.
  1. Il nostro secondo viaggio letterario inizia con un lungo viaggio di immigrazione
    in Italia. Nel mare ci sono i coccodrilli. Storia vera di Enaiatollah Akbari (2010) di Fabio Geda racconta la storia di immigrazione di Enaiatollah Akbari, dall’Afghanistan in Italia. Il romanzo è basato sulle interviste fatte da Fabio Geda a Enaiatollah. Enaiatollah racconta in prima persona quello che ha passato durante un viaggio durato otto anni che l’ha portato in Italia.
    È un libro scritto con uno stile e un lessico molto semplice, che vi prenderà dal primo
    capitolo. C’è un sentimento che percorre queste pagine, in alcune parti anche molto dure: lo spirito positivo di Enaiatollah, che non molla, che non rinuncia al suo sogno di una vita migliore.
    Il suo viaggio si conclude in Italia: Enaiatollah sbarca a Venezia, poi va a Roma ed infine a Torino. È proprio a Torino che deciderà di fermarsi e ripartire da zero: imparare una nuova lingua, una nuova cultura, iniziare un percorso di integrazione. Lo consiglio a tutti gli studenti che vorrebbero approfondire una tematica complessa, come quella dell’immigrazione, raccontata dal punto di vista di un bambino, in maniera semplice e diretta. È un libro molto intenso che vi toccherà il cuore.
  1. Km 123 di Camilleri
    Il nostro terzo viaggio si colora di giallo. Perché di giallo? Il giallo, in Italia, indica il genere poliziesco. E chi meglio di Andrea Camilleri ci può accompagnare in questo viaggio?
    Andrea Camilleri è il maestro indiscusso del giallo italiano, autore della fortunata serie di romanzi sul commissario Montalbano (poi serie televisiva di successo). Nella serie di romanzi dedicata al commissario Montalbano Camilleri usa una lingua molto difficile, un misto di italiano e dialetto. Per questo motivo non consiglierei i suoi racconti e romanzi su Montalbano a studenti di livello intermedio basso. Ma ho buone notizie: Km 123 di Camilleri è un breve romanzo giallo ambientato a Roma. La scrittura è semplice, scorrevole, non ci sono termini dialettali. La narrazione è molto originale ed è costruita su dialoghi, lettere, messaggi, articoli di giornali… Sembra di investigare sui fatti in prima persona! Consiglio questo breve giallo, pubblicato nel 2019, a tutti gli appassionati di Camilleri, che vorrebbero avvicinarsi a questo grande autore. Ti piacerebbe vestire i panni di investigatore per un giorno? Questo libro fa per te!
  1. Io non ho paura di Niccolò Ammaniti
    In una lista di libri da consigliare a studenti di italiano di livello intermedio basso Io non ho paura non può mancare! Io non ho paura è uno di quei libri che vi conquisterà fin dalle prime pagine, sarà difficile staccarsi dalla lettura una volta iniziata! Questo romanzo è diventato un classico in brevissimo tempo. I ragazzini italiani ormai lo leggono a scuola.
    Quest’ultima tappa di questo nostro viaggio letterario ci porta in un assolato paesino del Sud Italia negli anni ’70, tra la Puglia e la Basilicata. Il paese si chiama Acqua Traverse ed è composto da quattro case in tutto, un piccolo centro abitato disperso tra infiniti campi di grano.
    La storia è narrata da Michele Amitrano, un ragazzino altruista, curioso e coraggioso.
    Michele racconterà un’estate che gli ha cambiato per sempre la sua vita. Io non ho paura è un romanzo di formazione (Michele scoprirà il mondo degli adulti nel giro di un’estate che lo segnerà per sempre) ma anche una sorta di thriller (al centro del romanzo abbiamo un mistero terribile). É una storia di amicizia e di crescita. Una storia intensa, dura, raccontata dal punto di vista di un bambino che viene a contatto con il mondo degli adulti e del male.
    Ha vinto il premio Viareggio per la narrativa. Nel 2003 è stato tratto un film di gran
    successo diretto da Gabriele Salvatores
    , che vi consiglio vivamente.

Spero che questo viaggio letterario vi sia piaciuto e auguro buona lettura a tutt*!

.

Visit Read and Learn Italian – click here

Master Italian Preposition with us!

Join our Italian Prepositions Marathon on Instagram!

10-16 March

Ciao Ragazzi!

The March Newsletter will be all dedicated to Italian Prepositions!

Why prepositions?

It’s the most challenging topic for students of Italian to master. Knowing which prepositions to use when is a challenge right from the beginning, and unfortunately it’s one that often lasts to even very late stages in your Italian learning process. I know people who are fluent and really good at Italian who still get prepositions confused when they speak.

This is why I have prepared Italian verbs followed by prepositions eBook for you! In order to get this free eBook please subscribe to my Newsletter HERE.

We will be working with this eBook together! No worries! All details and action plan is inside the eBook! Get your copy and see you on Instagram!

Challenge accepted? 🙂

The challenge is composed of two parts:

Part one – your own work at home This is a list of verbs followed by prepositions you need to memorize each day. You will find this list prepared for you in this ebook.

Part two – on Instagram Every day we will explain the meaning of one fixed phrase with a preposition. At the end of the challenge you will know 7 useful Italian phrases!

“Sbagliando si impara” – il verbo imparare e insegnare.

Common Mistakes that we make while speaking Italian.

Anyone learning Italian as a Second Language will make mistakes along the way.  It is inevitable. Don’t worry about it! The important thing is to learn from these mistakes so you become a more capable, confident speaker.

Please accept the fact that mistakes are a part of the learning process!

I decided to create a new blog post series: “Sbagliando si impara” to describe common speaking mistakes for Italian as a Second Language speakers. This week all our attention goes to two Italian verbs: imparare and insegnare.

I have noticed that there is a little bit of confusion, probably because they have similar meaning but please remember they are not synonyms!

Please have a look at below:  

Imparare e insegnare non sono la stessa cosa !

Voglio imparare molto da lui. – I want to learn a lot from him.

Sto imparando a suonare la chitarra. – I’m learning to play the guitar.

Mario ha imparato la lezione. –  Mario has learned the lesson.

Nella vita c’è sempre da imparare. – You learn something every day/you’re never too old to learn.

Maria insegna inglese all’università. – She teaches English at the university.

Ti insegnerò io la buona educazione! – I’ll teach you some manners!

Mario ha insegnato ai bambini i nomi delle piante. – Mario taught the children the names of plants.

Now is your turn, read each sentence and decide which verb suits better:

1. Mio fratello ………………… qualche parola di francese.

2. L’esperienza ………….. a vivere.

3. Non ti hanno…………………che bisogna salutare?

4. Gli uccellini ……….. presto a volare.

5. Non posso uscire, devo .……………. la canzone per oggi pomeriggio.

6. Così Mario……………..ad essere più ordinato.

7. Cosa vi ……………….. a scuola? (loro)

Please memorise the following sentence, it gives you all the info you need to know to understand the difference between INSEGNARE and IMPARARE. 🙂

A teacher teaches well so the students manage to learn everything.

Alla prossima!

Agata

Italian verbs followed by prepositions

It’s time to master Italian prepositions!

There are many verbs in Italian which are followed by a particular preposition. Knowing which prepositions to use when is a challenge right from the beginning, and unfortunately it’s one that often lasts to even very late stages in your Italian learning process.

Some verbs require a certain preposition when an infinitive follows and also require a different, specific preposition when a noun or pronoun follows. There is no magic rule, you have to memorize them! Learning them takes time and practice. My advice is to use flashcards to study them. Buy blank flashcards and create your own personalized list of verbs followed by prepositions. Here, are some verbs to start with:

List of main Italian verbs with preposition.

To help you figure out where you might have gaps in knowledge, I put together this free quiz on prepositions after verbs. Choose the correct preposition to complete each sentence.

If you have questions, leave them below for me. 

Disclaimer: My blog contains affiliate links, which means if you purchase something through these links, I receive a small commission at no extra cost to you!

Ieri, oggi, domani

Sopia Loren book review

Se penso alla mia vita, mi sorprendo che sia tutto vero. Una mattina mi sveglierò e capirò di aver solo sognato. Intendiamoci, non è stato facile. Di certo è stato bello, è stato duro, ne è valsa la pena. Il successo ha un peso, che bisogna imparare a gestire. Nessuno te lo insegna; la risposta come sempre, sta dentro di te”

Yes, it really is a Cinderella story from rags to riches but there is no doubt that she worked very hard for the transformation in her life.  

In Loren’s own words, this is a collection of “unpublished memories, curious anecdotes, tiny secrets told, all of which spring from a box found by chance, a precious treasure trove filled with emotions, experiences, adventures.”

Loren’s stories are unfailingly sweet, modest, patient.   

This is a discreet autobiography, you won’t find  any details about her relationship with Carlo Ponti or Cary Grant. She is a naturally reserved person and I will excuse her for not pouring every last bloody thing onto the page  – she is interesting enough on the surface.  Instead, Loren gives us insight on her  encounters with major celebrities, focusing on what made them wonderful or special as a person rather than as a celebrity figure.  She talks about the major transitions and decisions in her life, the importance of the strong family. 
Personally, I can’t thank her enough for all of the hours of entertainment she has given me.  It was like sitting next to her on the sunny piazza and listening to all she wanted to tell me.  

Here are my 3 favourite parts of the book

1. It explains why Sophia Loren called her mother “mammina” and never “mamma”.

2. sophia Loren and cary grant

3. SOPHIA LOREN GOES TO LOS ANGELES FOR THE FIRST TIME

It is time to take your Italian placement test.

It is time to take your Italian placement test. 

As a teacher I need to evaluate my students and to be able to place them in an appropriate learning environment.  Placement tests are meant to determine a student’s language skill level so that with the test results in hand, an adviser and student can sit down and determine a course that would best suit the student. A class below the student’s ability would not benefit their education, and a class far above their ability could prove frustrating.   

I believe that placement tests are also a good starting point after taking a long break.  

Perhaps you’ve taken time off over the summer and are now going back to school, college or work.  I am sure that the placement test will help you to understand what is your language level and what you need to revise.   

Relax, take your test by clicking the link below, review your answers, and write down your mistakes. Indeed, making mistakes is important. Knowing what works, and what needs our attention is essential. They say that success in any domain is simply a result of making a large amount of tiny mistakes over time 🙂 

If you have any questions please let me know, I will be happy to help you to improve your Italian. 

AUGUST IN ITALY

  1. Fuori ufficio means out of office. When you send the email to your Italian colleagues and you receive 100000 out of office replies, you know that it’s August. Here are some “sono fuori ufficio” emails I have received this year:

2. Chiuso per ferie – closures of stores, bars and bureaucratic offices can be frustrating. 

You just need to accept that completing certain tasks will be impossible until September!

Don’t worry while many businesses in the larger cities may be closed, museums and tourist shops will be open and bustling.

3. Ferragosto – is a key word! Ferragosto is a true celebration of summer! It is an Italian national holiday and holy day of obligation in the Catholic Church celebrated on 15 August in all of Italy. Ferragosto is, next to Christmas, Easter and New Years, the most important holiday in Italy.

4. Fa caldo. (It’s hot.)

August is typically Italy’s hottest month, and that’s coupled with high humidity in many parts of the country. This is one of the main reasons August is the vacation month for most Italians.

5. Dove si trova la spiaggia? ( Where is a beach?)

Where’s everybody gone?

Many Italians take their summer vacation in August, that is why the cities are emptying and the beaches are filling up. If you want to meet locals, go to the beach:)

False friends in Italian – the words that seem friendly because they’re so close to English but then turn around and trick you.  
Here is the list of 30 false friends that even today I found a little bit confusing and need to think twice before using them:) 

1.      Conveniente

means good value
Convenient is translated as comodo, adatto, opportuno

2.      Delusione

means disappointment
Delusion is translated as illusione

3.      Duomo

means cathedral
Dome is translated as cupola

4.      Educazione

doesn’t mean education but good manners
Education actually means cultura, istruzione

5.      Estate

means summer
Estate is translated as proprietà

6.      Fabbrica

means factory
Fabric is translated as tessuto

7.      Fattoria

doesn’t mean factory but farm
Factory is translated as fabbrica

8.      Libreria

means bookshop, bookcase
Library is translated as biblioteca

9.      Magazzino

means warehouse
Magazine is translated as periodico, rotocalco

10.   Novella

means tale, short story
Novel is translated as romanzo

11.   Pace

means peace
Pace is translated as andatura, passo

12.   Partire

means to leave
(to) part is translated as separare, dividere

13.   Patente

means licence
Patent is translated as brevetto

14.   Pavimento

doesn’t mean pavement but floor
Pavement is translated as marciapiede

15.   Preservativo

means contraceptive, condom
Preservative is translated as conservante

16.   Pretendere

doesn’t mean pretend but to claim
(to) pretend is translated as far finta

17.   Rata

means installment
Rate is translated as velocità, tasso, livello

18.   Ricoverare

doesn’t mean recover but to admit, to be hospitalised
(to) recover is instead translated as guarire

19.   Ritenere

means to think, to believe
(to) retain is translated as conservare, trattenere

20.   Riversare

means to pour
(to) reverse is translated as invertire, far marcia indietro

21.   Simpatico

means nice, likeable, pleasant
Sympathetic is translated as comprensivo, compassionevole

22.   Sopportare

means to bear, to stand, support
(to) support is translated as sostenere, mantenere

23.   Stanza

doesn’t mean stanza but room
Camera is translated as macchina fotografica

24.   Straniero

means foreigner
Stranger is translated as sconosciuto, estraneo

25.   Testo

means text
Test is translated as prova, esame, saggio

26.   Vacanza

means holiday
Vacancy is translated as posto di lavoro disponibile

27.   Società

doesn’t always mean society but normally company, firm
Society is normally used to mean alta società, associazione, confraternita

28.   Rumore

means noise
Rumour (UK) is translated as voce diffusa, gossip

29.   Confrontare

means to compare
(to) confront is translated as far fronte a, affrontare

30.   Candido

means pure, innocent
Candid is translated as schietto